Da Piazza Venezia a Trastevere


Piazza Venezia, Campidoglio, Bocca della Verità, Ghetto ebraico, Isola Tiberina, Trastevere.

Piazza Venezia è dominata dal marmoreo monumento a Vittorio Emanuele II re d'Italia e dal Palazzo Venezia (sede dell'omonimo Museo e della Biblioteca di Storia dell'Arte). Il palazzo, costruito nel 1455, fu sede dell'ambasciata di Venezia, e in seguito, divenuto proprietà dello Stato italiano dal 1916, fu utilizzato da Mussolini, per i suoi proclami dal alla folla sottostante. Sulla destra ci spostiamo nella piazza dell'Ara Coeli. Dalla piazza, percorrendo la scala, detta Cordonata, saliamo alla piazza del Campidoglio.

Il Campidoglio è l'unico colle che nel corso dei secoli ha mantenuto le funzioni originarie ed oggi ospita gli uffici del Sindaco di Roma. L'attuale assetto della piazza si deve al progetto che Michelangelo realizzò per papa Paolo III Farnese e che fu realizzato da diversi artisti. Al centro su un piedistallo c'è una copia della statua equestre in bronzo di Marco Aurelio. Il Palazzo dei Conservatori, sede della magistratura nel medioevo, ed il Palazzo Nuovo (a sinistra della scalinata) ospitano oggi i Musei Capitolini. Scendendo per via del monte Tarpeo, poi via della Consolazione, via del Foro Romano e via di San Teodoro, incontriamo di San Giorgio al Velabro e l'Arco degli Argentari.

Siete pronti a mettere alla prova la vostra sincerità? La chiesa di Santa Maria in Cosmedin (VI secolo) è nota per il suo portico che ospita un chiusino di fogna detto Bocca della Verità, una maschera di pietra che secondo la credenza mordeva la mano ai bugiardi. L'interno della chiesa, a 3 navate, contiene opere di grande valore. Ora attraversiamo la piazza, verso i templi del Foro Boario: il Tempio della Fortuna Virile, di pianta rettangolare (IV secolo a.C.), e il Tempio di Ercole, detto Tempio di Vesta per la sua forma circolare (II secolo a.C.).
Percorsa via di Ponte Rotto, verso il Tevere, si incontra la medievale Casa dei Crescenzi, decorata con parti di templi romani. Prima di arrivare al Portico d'Ottavia, incontrerete, sul Lungotevere dei Pierleoni, una grande costruzione quadrangolare: è il Tempio Ebraico. La visita al Ghetto vi mostretà un intreccio di elementi medievali e rinascimentali con i resti dei monumenti romani.

Attraversato il Ponte Fabricio entriamo all'Isola Tiberina su cui opera l'Ospedale Fatebenefratelli (addirittura fondato nel 1584). La presenza di un istituto medico non è casuale, vista l'antica vocazione dell'isola alla medicina. In antichità infatti, ospitava il Tempio di Esculapio, dio della medicina.

Lasciamo l'isola, magari dopo una piccola sosta sotto il sole piacevole che da qui dà luce ad un panorama incantevole sul Tevere, e finalmente arriviamo a Trastevere. Al tempo delle origini di Roma (753 a.C.), la zona di Trastevere era una terra ostile di proprietà degli Etruschi. Roma la occupò per poter sorvegliare il fiume da ambo i lati e mantenere così un controllo assoluto della città. Il quartiere (dal latino “Trans Tiberim, al di là del Tevere), era la residenza popolare dei cittadini non romani. Poi, con l'avvento del cristianesimo conobbe un inarrestabile sviluppo urbanistico, intorno alle basiliche di Santa Maria, San Crisogono e Santa Cecilia. La chiesa di S. Maria in Trastevere (del IV secolo), nell'omonima piazza è il centro della vita di questo caratteristico quartiere, che per le strette viuzze e per l'aria popolaresca conserva ancora oggi un sapore tutto suo. Santa Cecilia, fu costruita nel V secolo su precedenti edifici romani. Nel vicino convento di clausura è conservato il Giudizio Universale di Carallini (XIII secolo). Numerosi caffé, ristoranti e pizzerie di sera animano i vicoli con tavolini all'aperto, mentre l'atmosfera del mattino conserva un carattere ancora popolare e genuino. E' infatti rinomata per le sue vie strette, tortuose e irregolari; un labirinto di vicoletti che ancora oggi la rende un quartiere unico al mondo. Noi vi consigliamo di visitare il quartiere nella sua doppia veste: durante il mattino per gustare maggiormente le botteghe e i negozi non convenzionali, durante la notte per farvi coinvolgere dal richiamo della folla notturna e degli artisti di strada. Incontrerete antiche piazze di incredibile bellezza e chiese e basiliche cristiane di inestimabile valore storico e religioso; ma anche i locali alla moda, i ristoranti tipici  e i centri culturali. A protezione del quartiere si erge sopra Trastevere il Colle Gianicolo, considerato nell’antichità una delle Porte della Città. Il Colle conserva perfettamente la Statua di Garibaldi e una grante monumentale fontana, molto amata dai romani e loro nota con il nome di “Fontanone”, realizzata per volontà di papa Paolo V Borghese. Dalla piazza antistante la Fontana si gode la miglior vista della città di Roma.

Siete stanchi e affamati? seguite i nostri consigli: Trattoria "da Augusto": piazza De' Renzi. "Al piatto
ricco": via della Pelliccia, 29/a. "Dar Poeta": vicolo del Bologna, 45. "Meo Patacca": piazza dei Mercanti, 30. Trattoria "San Callisto", via Arco di S. Callisto, "Antica Pesa": via Garibaldi, 18. Ma soprattutto, vi consigliamo il ristorante "La Gattabuia", ottima cucina romana a prezzi scontati per gli ospiti che dichiarano di provenire dal b&b Rhome86!!!


 

torna all'elenco degli Itinerari

• Galleria Associata •

Richiedi Informazioni

Calendario Eventi

Sfoglia il calendario e scopri i nostri eventi!

prec.

Luglio 2019

succ.
LMMGVSD
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
293031

* Clicca per visualizzare gli eventi del giorno


• Cosa hanno preferito i nostri ospiti •

  • “Questo b&b ci ha colpito sin dal primo momento. Effetti di luce riscaldano l'ambiente, l'arredamento è curato, il proprietario ama i suoi ospiti!”

    (Hamburg)

  • “Lui ci mette passione nel suo lavoro e lo noti nella pulizia meticolosa e nel far sentire tutti partecipi dalle chiacchere a colazione al saluto quando se ne va a pomeriggio.”

    (Longiano)

  • “La colazione ottima con paste fresche caffè a volontà e la superba simpatia del padrone di casa se tornero' a roma sicuramente sarà da Antonio ”

    (Salerno)

  • “Dallo stile si evince la vena artistica del proprietario e la ricerca quasi maniacale per i dettagli. Si vede che è una scelta continua, non soltanto un lavoro.”

    (Asti)

  • “Accoglienza superba. Piacevole il risveglio la mattina con musica classica, profumo di caffè e gestore sorridente e disponibile. Fantastica la doccia che si illumina con la temperatura dell'acqua!”

    (Venezia)

  • “Ottimo B&B davvero consigliato, molto allegro e alla moda, con tutte le stanze diverse, effetti di cromoterapia e simpatia e disponibilità ai massimi livelli.”

    (Milano)

  • “Ottimo B&B (a 10 minuti dal Colosseo), vicinissimo a Termini. Un ringraziamento speciale al proprietario, che con la sua disponibilità e professionalità ha saputo rendere ancora più piacevole il nostro soggiorno.”

    (Cremona)

  • “Location comodissima, gestore di una pazienza infinita. B&b coloratissimo, sembra di stare in un mondo incantato e poi, servizi utilissimi specialmente il pc a disposizione e il minibar..!”

    (London)

  • “La star dello show è il proprietario. Ha molte nuove idee e consigli che hanno reso la nostra visita più divertente di quanto non sarebbe stata.”

    (New York)

  • “Il proprietario, è la persona più cordiale, gentile, divertente e disponibile che abbiamo incontrato. La camera era confortevole, l'aria condizionata funzionava molto bene, bagno con doccia calda / buona pressione dell'acqua.”

    (Canada)

  • “Il letto/materasso era ottimo. A me piace morbido, a mio marito piace fermo, e siamo stati entrambi bene. Per la prima colazione i croissant di altissima qualità, capucciono meraviglioso, un inizio di giornata radioso.”

    (Oregon)

  • “Il b & b ha una straordinaria atmosfera, decorazioni di buon gusto e buona posizione vicino alla stazione ferroviaria principale. La colazione è perfetta, sia in quantità e qualità.”

    (Australia)